Messaggio

La Costellazione della Musica - Planet Caravan

Buone notizie per il nostro progetto della Costellazione della Musica (vedere il numero 5 della rivista)!

Questa estate, oltre alla partecipazione a diverse serate osservative nei paesi cilentani (vedi articolo a pagina 4), il nostro gruppo si è mosso “sulle ali della musica”. E’ stata effettuata una ricerca di brani attinenti l’astronomia senza preclusioni di generi musicali: dal rock alla world music, dalla classica all’heavy metal. I brani selezionati da Giacomo Fierro, Veronica Veneroso della 4E, sono stati raccolti in due cd ed hanno accompagnato le nostre serate di osservazione. Ma non è tutto!

Paolo Enrico Infante (4E) ha messo a disposizione del gruppo la sua fantasia compositiva, creando tre brani raffinatissimi ad ispirazione stellare...i titoli sono emblematici: Orizzonte degli eventi; Nascita di una stella, Altair.

Partecipando alle nostre osservazioni, comunque, sarà sempre possibile ascoltare le composizioni suddette. Siete tutti invitati.

Il testo del brano che  pubblichiamo in questo numero è dei mitici Black Sabbath: erano gli anni ‘70 e la formazione dei “Black”  recitava:

  • Ozzy Osbourne — vocals
  • TonyIommi  -   lead guitar
  • Terry “Geezer Butler  - bass
  • Bill Ward  -  drums

Planet Caravan è il titolo del brano. Motivo che ancor oggi, a distanza di 40 anni (!),  provoca intensi brividi .

PLANET CARAVAN

We sailed through endless skies

Stars shine like eyes

The black night sighs

The moon in silver trees

Falls down in tears

Light of the night

The Earth a purple blaze

Of Safire haze in orbital ways

While down below the trees

Bathed in cool breeze Silver starlight breaks dawn from night

And so we pass on by

The crimson eye of great god Mars

As we travel the Universe.

(Iommi-Ward-Butler-Osbourne)

27 Agosto 2010 Luna e Giove alla distanza angolare di 4''

Traduzione di Paolo Infante 4E:

Navighiamo per cieli infiniti,

Le stelle brillano come occhi,

la notte nera sospira

La luna in sogni argentati

scende giù in raggi,

Luce della notte

La terra, un bagliore viola

di foschia zaffiro, sempre in orbita

Mentre giù, sotto gli alberi,

immersa nella fresca brezza,

L' argentea luce stellare infrange la notte.

E così, andiamo avanti

All'occhio cremisi del grande dio Marte

viaggiando nell'universo .

 

 

A cura del

Gruppo Zero G

 

281 1 7560000 10692000 359410 259 261 257 276 262 279 1 0`````````````````````` 5 1 1 285 282 1 False 0 0 0 0 -1 304800 243 True 128 77 255 3175 3175 70 True True True True True 278 134217728 1 14 -9999996.000000 -9999996.000000 8 Empty 10053120 52479 255 13421772 16711680 8388736 16777215 53 Tropici 22858575 22852950 (`@````````` 266 263 5 110183775 110178150

27 AGOSTO 2010

LUNA E GIOVE A LLA DISTANZA

ANGOLARE DI 4°

User opinions

Joomla templates by a4joomla